1,2 Ottobre: il weekend delle sorprese

Non si può certamente non ammettere che il primo weekend di Ottobre non sia stato dai risvolti inaspettati.

Uno di quei fine settimana che tornerà certamente utile per gli addetti del settore al fine di capire dove e in che modo le proprie squadre possono migliorare, soprattutto quei team che hanno alte ambizioni nazionali e europee.

Già, perchè nel caso in cui vi foste persi qualcosa, non hanno trovato la vittoria compagini chiamate Real Madrid, Barcellona, Bayern Monaco, Borussia Dortmund, Manchester City, Manchester Utd e Napoli.

Squadre che sono chiamate a rispondere presente ogni partita.

Ovviamente, c’è da dire che vi sono delle attenuanti a questi inattesi stop: la stagione è iniziata da poco, gli allenatori devono ancora definitivamente trovare gli equilibri facendo amalgamare i nuovi innesti del mercato, si giocava a due/tre giorni di distanza dalle coppe europee, si trattava dell’ennesima partita a poca distanza da quella precedente, vi erano appena state le convocazioni delle nazionali, ecc…ma ciò non toglie il valore importante dei tre punti non colti in questa fase della stagione.

E così capita che in Italia la lotta per il vertice subisca una decisa sterzata dovuta ad un Napoli incapace di trovare nemmeno il pareggio a Bergamo, in casa di un’Atalanta convincente e arrembante, guidata da un sontuoso Papu Gomez che condanna gli azzurri a perdere terreno dalla Juventus (vittoriosa in maniera netta a Empoli nel lunch match della domenica) e a guardarsi alle spalle dall’avanzare di Roma, Milan, Lazio e Chievo. Tutte squadre che in un modo o nell’altro hanno saputo cogliere i tre punti.

Se in Italia la sconfitta del Napoli fa rumore, pensate in Spagna, Germania e Inghilterra come hanno preso gli stop di Real Madrid, Barcellona, Bayern Monaco, Manchester City e Manchester United, soprattutto dopo le montagne di soldi spesi sul mercato estivo da queste squadre per accaparrarsi giocatori di assoluto spessore internazionale.

Ma il bello del calcio sta, appunto, anche in questi fine settimana che lo rendono imprevedibile e sorprendente.

Ovviamente, chi non può essere troppo felice di un weekend del genere, sono gli scommettitori, che basano le proprie giocate sulle molto probabili vittorie delle squadre favorite, ma che avranno tempo e modo di rifarsi a partire dalle prossime partite.

Perchè il fine settimana appena passato rappresenta un eccezione.

Andrea Petrarulo

Andrea Petrarulo1,2 Ottobre: il weekend delle sorprese
Share this post